Autore: Giovanni Dall'Orto

NIENTE SESSO SIAMO TRANS/QUEER

“Niente sesso, siamo inglesi” è il titolo di una commedia degli anni ’70, che presentava al mondo il modo in cui i britannici vorrebbero essere identificati: un popolo pudibondo. Cosa comporta nell’universo LGBT, invece, rinunciare al piacere fisico e soprattutto cercare di obbligare altre persone LGBT a farlo?

LEGGI TUTTO

ACCESSO T A TEMPO DEBITO

Un’importante sentenza sui bambini trans nel Regno Unito afferma che “è compito del tribunale proteggere i bambini, e in particolare il miglior interesse di un bambino vulnerabile”. Si apre un nuovo capitolo nella discussione che riguarda l’assistenza sanitaria di bambini e adolescenti “gender variant” e la somministrazione degli ormoni bloccanti della pubertà.

LEGGI TUTTO

FINOCCHI DI CELLULOIDE

A partire da una vasta ricerca d’archivio e dall’esame di oltre 600 film, un saggio ricostruisce i rapporti tra omosessualità e cinema italiano tra gli anni Quaranta e gli anni Settanta. Una storia ricca di colpi di scena tra palesi ostilità e complici piaceri non così nascosti.

LEGGI TUTTO

ROLA, SEI STATA TUTT* NOI

In occasione dell’International Transgender Day of Visibility 2020, Giovanni Dall’Orto onora la memoria di una donna transessuale italiana autentica pioniera delle lotte per i diritti LGBT. Riportiamo, con la concessione dell’autore, la sua incredibile storia.

LEGGI TUTTO

LA MAMMA DI TUTT*

Paola Dall’Orto è la fondatrice e la prima Presidente di A.Ge.d.O., una donna che non ha solo aiutato i genitori di omosessuali ma anche molte persone LGBT. Ha inoltre promosso una fortissima sensibilizzazione all’interno delle scuole secondarie, e nel 2015 è stata insignita dal Presidente Mattarella dell’onorificenza di “Cavaliere al Merito della Repubblica”. L’intervista di suo figlio Giovanni Dall’Orto.

LEGGI TUTTO

IL TRIANGOLO DELLA DANNAZIONE

Torna in libreria, in una nuova edizione italiana curata da Giovanni Dall’Orto, il romanzo che per la prima volta riferì delle deportazioni delle persone omosessuali nei lager nazisti. Un successo mondiale alla sua uscita, perché la persecuzione dei “triangoli rosa” era rimasta del tutto ignota.

LEGGI TUTTO