Categoria: Editoriale

UNA PRECISA RESPONSABILITÀ

Un libro per ragazzi sfrutta in maniera non approfondita il grave tema delle terapie riparative come aggancio letterario per una storia che ha per protagonista un ragazzo gay di diciassette anni. Un’appropriazione culturale indebita crea un’imprudente deformazione di una nostra realtà che fa scattare un campanello d’allarme: siamo in grado di far capire i nostri problemi?

Leggi di più

STRANI GIORNI

Che cosa resterà di noi come popolazione o comunità o movimento LGBT (e altre lettere) a seguito della (prima) ondata della pandemia da coronavirus? Impossibile dare una risposta esaustiva o precisa, ma alcune riflessioni sono auspicabili.

Leggi di più

IL CAPITALE E NOI

I soldi fanno girare il mondo ma da qualche anno oliano anche le ruote di molti carri che sfilano ai cortei dei pride delle grandi città, che appaiono sempre come più feste e sempre meno come marce di protesta. Stiamo (s)vendendo una parte della nostra anima agli interessi, non sempre trasparenti, delle grandi aziende?

Leggi di più

ROLLING STONEWALL

Sono passati 50 anni da quel fatidico 28 giugno 1969. Che a scatenare la rivolta sia stato un tacco a spillo o una bottiglia di gin contro un poliziotto poco importa, perché l’effetto fu devastante. Nell’immaginario del mondo omosessuale e transessuale qualcosa cambiò, come se avessimo iniziato a esistere realmente solo da quel giorno. Ma cosa accadde davvero?

Leggi di più

LA LEGGE DEL DESIDERIO

Inclusione ed esclusione sono temi irrisolti anche all’interno della comunità LGBT, dove spesso e volentieri evitiamo di incontrare o di conoscere persone solo perché non corrispondono a fattori estetici o sociali che ci piacciono. Si può definire il confine tra scelta personale e discriminazione?

Leggi di più

ROBERT E SOL

Il tema dell’invecchiamento LGBT è sempre più oggetto d’interesse e di ricerca anche in Italia. Noi ve lo presentiamo in maniera alternativa, grazie a quattro persone anziane molto particolari.

Leggi di più

(S)PARLANO DI NOI

Cosa non si farebbe per avere un po’ di luce dei riflettori su di sè? In Italia alcuni giornalisti poco scrupolosi o persino senza scrupoli non si pongono il problema di distorcere la nostra realtà, per giustificare tesi totalmente assurde o anche offensive della memoria di persone LGBT uccise dall’odio.

Leggi di più
Caricamento in corso