Tag: comunità omosessuale

PRE GAY – GAY – POST GAY

Mentre Orietta Berti nel tormentone estivo 2021 canta di labbra rosso Coca-Cola, bibita che in Italia ha sponsorizzato tre pride ma non si espone pubblicamente come fece in Svizzera nel 2020, l’approvazione del DDL Zan resta appesa a un filo che probabilmente si spezzerà in autunno. Chi s’interessa di noi? Forse nemmeno noi, se non per guardare con nostalgia al nostro passato che fu.

Leggi di più

TOMMASO NON SEI CON NOI

Benjamin Franklin diceva che “a piccoli colpi si abbattono grandi querce”. Evitando di confrontarla sulle sue posizioni di ostruzionismo nei confronti della legge Zan, Tommaso Zorzi ha perso un’occasione per sferrarne uno verso Giorgia Meloni, ospite del Maurizio Costanzo Show a un incontro con giornalisti e personaggi dello spettacolo. Un commento su un’ennesima occasione che abbiamo perso.

Leggi di più

VEDI NAPOLI E POI?

ITB Berlino, la più importante fiera mondiale del settore dei viaggi, dopo un anno di pausa si è tenuta nuovamente a marzo in versione digitale. ENIT, la nostra agenzia nazionale del turismo, è stata “presenting partner” del programma LGBT, ma non tutto sembra essere sotto controllo o condiviso. Da quali parti stiamo girando?

Leggi di più

SISSIGNORE, NOSSIGNORE

Le chiusure forzate in casa hanno spronato anche la rivalorizzazione della libertà personale. Così, tra un lockdown e l’altro, c’è stato chi ha deciso di scommettere sulla fantasia erotica unita al senso dello stile italiano per lanciare un nuovo ed eccitante marchio di accessori leather, fetish e BDSM.

Leggi di più

SPECCHIO DEI TEMPI

Un libro per giovani ragazzi e ragazze racconta in forma semplice e senza paraventi la vita di Alan Turing, genio matematico e omosessuale affascinato dalla strega di Biancaneve. Le sue scoperte scientifiche anticiparono i computer e la fine della seconda guerra mondiale. Le sue diversità non accettate gli furono fatali, ma sono diventate un’importante lezione di vita.

Leggi di più

UNA PRECISA RESPONSABILITÀ

Un libro per ragazzi sfrutta in maniera non approfondita il grave tema delle terapie riparative come aggancio letterario per una storia che ha per protagonista un ragazzo gay di diciassette anni. Un’appropriazione culturale indebita crea un’imprudente deformazione di una nostra realtà che fa scattare un campanello d’allarme: siamo in grado di far capire i nostri problemi?

Leggi di più
Caricamento in corso